Pepita – Formaggio a pasta filata di latte di bufala e zafferano italiano.

Share

Pepita - Formaggio a pasta filata di latte di bufala e zafferano italiano.

Un’ idea che coltivavo da un po’ di tempo: sposare la cremosità del latte di bufala con l’afrore del mio zafferano. Ne ho parlato a Nicola De Maria che di mozzarelle se ne intende e lui mi ha presentato Vincenzo Russo del caseificio Angelo Russo di Capua.

Scettico all’inizio, forse soltanto per educazione, ha accettato di fare una prova…bhè, lo scetticismo si è sciolto al primo morso, come neve al sole.

Il risultato era perfetto, equilibrato, un formaggio lucido come porcellana leggermente dorata. Quando la tagli sprigiona subito note amaricanti che al gusto si rivelano vincenti e particolarmente invitanti. Il suo interno è di un giallo acceso che diventa arancione negli alveoli che circondano i pistilli.

La pastosità cremosa del latte si fonde con l’acidità della spezia e, insomma, potresti mangiarne una dietro l’altra e non fermarti mai.

Pepita va gustata prima con gli occhi e poi con il naso.

Soltanto dopo si può veramente capire.

Lo zafferano di Croco e Smilace